​© 2023 by ClusterLab.

  • Instagram Clean Grey

Il progetto affronta una riflessione sui vuoti urbani che troppo spesso rimangono inutilizzati nelle nostre città e sono considerati un punto ibrido di passaggio fra zone disomogenee. Al non essere utilizzati in maniera adeguata sono un elemento di scissione fra aree differenti e vengono spesso destinati a zone di ritaglio urbano, non si sfruttano per la loro particolare condizione ma sono reclusi a destinazioni come parcheggio, deposito, zona di passaggio ecc.L'intenzione di riprendere in mano le questioni delle differenze sociali, del crescimento scontrollato e della densità della città ha portato alla necessità di utilizzare i ritagli urbani per ricucire le frammentazioni delle città e vederli come occasione per rivendicare l’identità cittadina di quartiere all’interno del complesso sistema urbano.

A Cloud for Sapporo cerca di rispondere a queste necessità proponendo di ubicare dei piccoli centri culturali nei differenti vuoti urbani della città, adibiti a centri espositivi, punti di riunione, di svago, sport e conferenze; oltre a rappresentare dei punti di riferimento visuale caratteristici della città. Il tutto con l'intenzione di ricucire le lacerazioni urbane esistenti e di costruire una nuova convivenza sociale.

A cloud for Sapporo.

Sapporo, Japan 2003